BLINDSIGHT PROJECT, CONTRO LE BARRIERE

  • Categoria dell'articolo:News

Laura Raffaeli e il cane ArtuLa presidente: “siamo stanchi di essere circondati da tanta ignoranza”

Una delle questioni più rilevanti, in un quadro di sana ripresa del paese, riguarda anche gli aspetti legati alla condizione delle persone con disabilità e il saper garantire loro quel complesso di aiuti, formali e informali, sui quali dovrebbero poter contare, per garanzia di loro un maggiore livello di partecipazione sociale nelle diverse fasi della vita. Secondo l’Istat “Il fenomeno della disabilità è una delle dimensioni rilevanti nello stato di salute di una popolazione e lo è ancora di più quando, oggetto di studio, è una popolazione, come quella italiana, che in media è tra le più vecchie di Europa“.

Per disabilità s’intende comunemente la condizione personale di chi, in seguito ad una o più menomazioni, ha una ridotta capacità d’interazione con l’ambiente sociale rispetto a ciò che è considerata la norma. La disabilità fisica più riconoscibile è la ridotta mobilità, seguita dalle meno visibili disabilità sensoriali, ovvero la perdita totale o parziale di uno o più organi di senso.

Un altro tipo di difficoltà, quelle che rientrano nella sfera della comunicazione, coinvolgono circa l’1% della popolazione italiana, dai sei anni in su, e nelle età inferiori ai 60 anni colpiscono più i maschi che le femmine. Secondo stime per difetto in Italia vivrebbero 3 milioni di disabili, tra i quali 350.000 ciechi totali o parziali e 800.000 con problemi dell’udito più o meno gravi tra i quali 50 mila sordi prelinguali.

Le disabilità sensoriali sono quelle che maggiormente – ma non esclusivamente – pregiudicano le possibilità di comunicazione.
Fortunatamente, anche se con fatica, le cose cambiano e vanno avanti. In questa ottica si può tentare di affrontare il tema della disabilità attraverso la possibilità che offre la tecnologia, in tutte le sue accezioni, dalla vita quotidiana all’uso degli strumenti informatici. Per questo, nel marzo 2006 nasce a Roma la BLINDSIGHT PROJECT Onlus No profit per disabilisensoriali – un’associazione apartitica, che persegue esclusivamente finalità di solidarietà nei settori dell’assistenza sociale, beneficenza, istruzione, formazione, tutela dei diritti civili e dello sport. La su attività si concentra in particolare sulle ricerche nei settori tecnologici che si prestano ad incrementare l’autonomia e l’integrazione sociale, la conoscenza degli ausili informatici e di accessibilità ad internet con progetti riabilitativi anche personalizzati, la sicurezza e l’autonomia nella deambulazione nonché l’impiego del tempo libero e i collegamenti con il mondo esterno. (altro…)

Continua a leggereBLINDSIGHT PROJECT, CONTRO LE BARRIERE

Roma: due convegni sulle disabilità sensoriali

  • Categoria dell'articolo:News

Segnaliamo due interessanti convegni a Roma rivolti al mondo delle disabilità sensoriali. Il primo dell’8 maggio è il seguente:

Lingua dei segni tattile, l’importanza dell’intervenor
Si svolgerà martedì 8 maggio la conferenza organizzata dal Centro assistenza per bambini sordi e sordociechi onlus. Tra i temi trattati, il ruolo dell’intervenor, mediatore tra il bambino sordocieco e l’ambiente circostante

ROMA. Il ruolo dell’ “intervenor”, la funzione della Lingua dei segni tattile e dati aggiornati sulla popolazione infantile sorda in Italia: sono alcuni dei temi che saranno al centro dell’incontro in programma per domani, martedì 8 maggio alle 11,30, presso la sala delle Conferenza di piazza Montecitorio 123/A. L’iniziativa è promossa dal Centro assistenza per bambini sordi e sordociechi onlus (Cabss), che dal 2010 attivato una collaborazione con il George Brown College di Toronto, uno dei più importanti centri al mondo che forma “Intervenor”: figure specializzate, che mediano tra il bambino sordocieco e l’ambiente in cui vive quotidianamente, facilitando la comunicazione con gli altri, anche attraverso l’uso della Lingua dei segni tattile. (altro…)

Continua a leggereRoma: due convegni sulle disabilità sensoriali

Sono la madre di Michela Zucchini, mia figlia è sorda e…

  • Categoria dell'articolo:News

Il Resto del Carlino del 27-04-2012

RAVENNA. Sono la madre di Michela Zucchini, mia figlia è sorda e ha fatto la visita in Commissione per la richiesta di utilizzare i permessi della legge 104/92. Tante volte è sempre andata male, è molto strano io ho fatto la domanda una volta e subito è stata approvata come mai? L’ok per me è arrivato il 9 giugno 1994 e poi mia figlia ha fatto la domanda tre volte e sempre la risposta è stata negativa. È molto strano perché siamo entrambe sorde. Nel mese di marzo ha fatto la domanda e poi lei è stata visitata il 12 luglio; attendiamo e per quattro mesi non arriva la risposta. Allora io ho telefonato con il ponte servizio per comunicare per noi sordi. La dipendente dell’Inps non parla, io attendo per 10 minuti e poi si chiude la chiamata. Sono molto arrabbiata. Subito guardo il sito dell’ Inps, ho mandato una mail al direttore, lui mi risponde subito e poi arriva la lettera con raccomandata finalmente del 30 novembre. Ma la lettera, come in precedenza, respinge la richiesta, non contemplando l’ art 3 comma 3. (altro…)

Continua a leggereSono la madre di Michela Zucchini, mia figlia è sorda e…

Roma, al via la prima edizione del Festival del cinema sordo

  • Categoria dell'articolo:News

Redattore Sociale del 27-04-2012

ROMA. Parte giovedì 3 maggio al Nuovo Cinema Aquila (Via L’Aquila, 68 – Roma) la prima edizione del Cinedeaf, il Festival del cinema sordo di Roma. Ideato e prodotto dall’Istituto Statale per Sordi di Roma e realizzato grazie al contributo della provincia di Roma nell’ambito del bando “Provincia a tutto tondo”, il Festival nasce con l’obiettivo di dare visibilità a opere video di registi sordi nazionali e internazionali e a produzioni che abbiano come tematica centrale la sordità, la cultura sorda e la lingua dei segni. Per il Festival sono pervenute oltre 150 opere, fra le quali sono state selezionate le 19 in concorso nella sezione competitiva e le altre scelte per comporre l’intero programma della tre giorni. Cinedeaf è organizzato dall’Istituto Statale per Sordi di Roma ed è stato realizzato grazie al contributo della Provincia di Roma e al patrocinio del Ministero per i Beni Artistici e Culturali, dell’Ente Nazionale Sordi , della Rai – Segretariato Sociale e della Regione Lazio.
(altro…)

Continua a leggereRoma, al via la prima edizione del Festival del cinema sordo

Vivere nel mondo (da sordociechi)

  • Categoria dell'articolo:News

Il Corriere della Sera del 18-04-2012

Un percorso nel quotidiano allestito da Lega del Filo d’Oro e Provincia

MILANO. Come vive la sua giornata un sordocieco? Muoversi in casa, oltre che fuori, non è semplice. Tecnologia e design, tuttavia, cercano di rispondere al meglio alle esigenze di questi disabili sensoriali. La Lega del Filo d’Oro, in collaborazione con l’assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Milano, ha voluto appunto offrire uno “spaccato” di vita quotidiana, allestendo gli ambienti e gli strumenti ideati appunto per migliorare il vivere quotidiano delle persone sordocieche. «Per le persone sordocieche – spiega Rossano Bartoli, segretario generale della Lega – diventa complesso avere accesso a molte sfere del vivere quotidiano a causa della doppia minorazione sensoriale e della presenza di altre disabilità. Ecco perché da molti anni la nostra associazione ha maturato un’approfondita conoscenza di accorgimenti tecnologici e ausili per facilitare la quotidianità delle persone sordocieche». (altro…)

Continua a leggereVivere nel mondo (da sordociechi)

Elena: ho finto d’essere un uomo vedente

  • Categoria dell'articolo:News

“Ho finto d’essere un uomo vedente. Per 8 anni una vita parallela in Rete”
di Elena Brescacin*
*Elena Brescacin è una ragazza non vedente di Treviso. L’anno scorso abbiamo pubblicato un post su Internet e l’anonimato. Elena è intervenuta nei commenti, raccontando che in passato aveva creato un’identità falsa sul web: si era finta un uomo vedente. Le abbiamo chiesto di firmare un post per noi. Una riflessione su internet e l’identità. E voi? Raccontate le vostre storie.

Salve, mi chiamo Elena Brescacin.

Sono una persona non vedente assoluta. Per me Internet costituisce un mezzo fondamentale per l’autonomia personale, almeno nella lettura di libri/giornali, e commissioni online – ricariche/acquisti/bonifici. Internet non è certamente tutto, non posso dire di essere autonoma grazie a Internet, ma certamente mi ha dato molto. (altro…)

Continua a leggereElena: ho finto d’essere un uomo vedente